Italia come siamo messi….

Il nostro povero paese sta passando un periodiaccio. In tutti i campi della vita quotidiana stiamo assistendo ad un lento (anzi ultimamente piuttosto rapido) decadimento dei fondamenti del vivere civile. Tutti i giorni siamo bombardati da soloni di ogni ordine e grado che si dichiarano “moderati” che attaccano la povera gente che cerca di far sentire il proprio disagio protestando più o meno civilmente. Di esempi ne potrei fare mille, su tutti i comitati NO TAV, i cassaintegrati Sardi, i ricercatori accampati sui tetti, etc etc.
E mai possibile che nel 2011 chi protesta e cerca di migliorare la propria vita debba essere giudicato un violento, un terrorista, e chissa cosa d’altro?
Ci siamo forse dimenticati che se siamo un paese democratico ( parola inventata dai ricchi per tenere buoni i poveracci) lo dobbiamo anche a chi ha sacrificato la propria vita per la libertà. Perché ad esempio i partigiani sono tuttora ricordati come eroi? Non erano persone comuni che si opponevano al governo in carica? Ma perché quindi i cittadini della val susa sono terroristi?
La storia insegna che se si vuole migliorare la propria vita bisogna lottare. Persino Gandhi con la sua non violenza al giorno d’oggi sarebbe considerato un terrorista dai “moderati” che ci governano.
E prima che qualcuno capisca male, non sto dicendo che i valsusini abbiamo ragione, per la verità neanche che abbiamo torto. Sto solo dicendo che un vero paese libero deve rispettare le ragioni di tutti. Ascoltarle, capirle e poi decidere per il bene collettivo. Nel caso specifico della TAV, farla se veramente necessaria e non solo per poter fare guadagnare i soliti noti. In un paese serio ci sarebbe chi vince e chi perde, chi ha ragione e chi ha torto, Invece in Italia tutti vincono e tutti hanno ragione. Mah. probabilmente sono io che non capisco :).
Per oggi concludo qui il mio pensiero.
A breve vi racconterò la mia idea dei politici italiani.

Stay tuned….

This entry was posted in Politica. Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette × = 49

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>